Limoni fermentati

Ed ecco un altra preparazione coi meravigliosi limoni siciliani, i limoni fermentati.
Non sono certo un esperta in fermentazioni ma da un paio d’anni ho imparato a fermentare le verdure come potete vedere dalla preparazioni che trovate qui sul blog, e devo dire che mi danno parecchia soddisfazione; era da parecchio che volevo provare a farli ma non avevo la materia prima giusta 😀
La fermentazione di tipo lattico come avrete imparato impartisce agli alimenti fermentati un sacco di proprietà benefiche per il nostro organismo, soprattutto per il nostro intestino e di conseguenza per il nostro sistema immunitario che si fortifica.
Se vi interessa vi lascio il link del blog da cui ho preso spunto per la preparazione dove potete leggere cose molto interessanti, ho poi aggiunto del mio prendendo spunto dalla ricetta dei limoni confit riportata sul libro di Sebastien Bureau e David Còtè, (Rivoluziona la tua cucina con i fermenti vivi), aggiungendo cannella e anice stellato ai miei limoni.

Ingredienti:
limoni
sale
anice stellato
cannella
chiodi di garofano

Preparazione:
Come prima a cosa lavate bene i limoni, se necessario lasciateli in ammollo in acqua alcune ore, spazzolandoli bene per togliere tutte le eventuali impurità.
Pesate i limoni, il sale deve essere pari all’8%/10% del peso dei limoni, quindi ogni kg di limoni ci vogliono 80/100 g di sale, io ho calcolato una salamoia all’8%.
Tagliate i limoni in 4 senza separarli, mettete il sale in una ciotola e aprendo i limoni strofinateli con il sale, metteteli man mano in un vaso capiente, comprimeteli bene in modo che rilascino il loro succo che deve ricoprirli, mettete un peso in modo che restino immersi nel loro succo, se il succo non è sufficiente, come nel mio caso, bisogna preparare una salamoia di acqua e sale di pari percentuale 8% o 10%.
Ora siete pronti per far riposare 3/4 settimane i vostri limoni, lasciateli a temperatura ambiente chiusi ricordandovi ogni 2/3 giorni di far uscire eventuali gas che si formano, nel mio caso non si sono formati particolari gas.

Ora vi chiederete e poi come li uso? Non li ho ancora assaggiati ma da quello che ho letto le idee sono tante 😀 potete usarli nelle insalate, nei dessert o nei piatti cotti a fuoco lento, pare sprigionino aromi incredibili a detta di Sebastian e David.
Mentre invece i consigli di Giovanni Ceccarelli sono ottimi nei drink, disidratati e infusi in un distillato…infatti la prima idea che mi è venuta è quella di provarli nella kombucha, vi farò sapere 😉

Sorry per le foto non perfette 😀 Provateli, già dopo 12 giorni il profumo è molto invitante ❤
Ps: mi sono accorta ora che ho scritto salamoia 80% sull’etichetta :mrgreen: AIUTO NO 8% 😀

Questa voce è stata pubblicata in Conserve, Fermentati, Frutta. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...