Pan meino (pan de mej)


Questo pane che in realtà è un biscotto molto friabile è un dolce tipico Lombardo; il suo nome deriva dalla parola miglio, ingrediente molto usato in antichità e che, mischiato ad altre farine, serviva per produrre il pane.
Con il tempo, il normale pane di miglio, si trasformò in un delicato dolce zuccherato che, secondo la tradizione, veniva preparato il giorno di San Giorgio (23 aprile per il calendario ambrosiano), data antica in cui si stipulavano i contratti per la fornitura di latte tra mandriani e lattai.
Il giorno di San Giorgio, data in cui fiorivano i sambuchi, si solennizzava quindi l’antico patto preparando il pan de mej cosparso di fiori di sambuco e i lattai, per l’occasione, regalavano ai propri clienti la panna liquida per accompagnare questo delizioso dolce, abitudine che continuò a persistere nel tempo.
La ricetta mi è stata data da uno dei medici che mi stà seguendo, che mi ha anche regalato i fiori di sambuco che non avevo mai ne visto ne usato 🙂 La ricetta naturalmente era con burro, uova e latte, ma devo dire che la veganizzazione è stata davvero facile e i golosoni di casa hanno molto gradito, la ragazza di Teo mi ha addirittura detto che è uno dei biscotti che ha apprezzato di più 🙂 sarà che è davvero molto dolce e zuccheroso, non è un biscotto per i cultori dell’ ipocalorico e del salutare al 100% :mrgreen: ho usato infatti burro di soia e parecchio zucchero, anche se di canna sempre zucchero è 🙂 Ma come dico spesso a volte ci vuole anche qualche trasgressione, nella perfezione non si può vivere che monotonia sarebbe? 🙂 E poi dovevo testarli prima di rifarli per farli poi assaggiare al mio dottore 😛

Ingredienti:
150 g di farina 00 bio
150 g di farina di mais fioretto
50 g di amido di mais
1 bustina di cremortartaro
1 pizzico di sale
150 g di burro di soia
150 g di zucchero di canna
2 tazzine circa di latte di soia
4 cucchiaini di fiori di sambuco
q.b. di zucchero a velo di canna

Procedimento:
Sciogliete il burro a fuoco basso e lasciatelo raffreddare, setacciate le due farine con il cremortartaro, il lievito,  e il sale, aggiungete anche i fiori di sambuco.
Fate un buco nel mezzo delle farine e aggiungete il burro di soia fuso, cominciate ad impastare aggiungendo coco alla volta anche il latte, dovete ottenere un impasto tipo frolla lavorabile con le mani.
Stendete subito l’impasto col mattarello ad uno spessore di circa 4/5 mm, tagliate dei dischi di circa 8 cm, oppure potete fate delle palline che poi schiaccerete, disponete su carta forno.
  
  
Spolverizate il pan de mej con abbondante zucchero di canna+zucchero di canna a velo, se volete prima potete mettere ancora dei fiori di sanbuco.
Infornare il tutto a 180°(forno caldo) per circa 20 minuti

Sfornateli e lasciateli raffreddare su una graticola, sono molto friabili e zuccherosi, proverò a sperimentare usando del malto al posto dello zucchero 😉

Vi riporto alcune notizie sul sambuco prese da questo interessante sito:
I fiori di sambuco sono sudoriferi (diaforetici), diuretici, febbrifughi, anticatarrali e antireumatici (per via dell’azione depurativa generale). Hanno anche un certo potere antidolorifico. L’infuso è utile in diverse affezioni: bronchite, raffreddori, sinusite, malattie febbrili (scarlattina, morbillo, ecc.), reumatismi e gotta. Al primo segnale di raffreddore o di febbre, una tazza bollente di infuso di sambuco (meglio se mescolato con i fiori di tiglio) bevuta prima di andare a letto provoca un’abbondante sudorazione, migliora lo stato di congestione e abbassa la febbre. La sua efficacia è stata dimostrata anche nell’influenza.
I suffumigi con una manciata di fiori possono essere utile in un raffreddore acuto, un infuso raffreddato può essere gargarizzato nel caso di laringite e raucedine o impiegato come impacco nel caso di occhi infiammati. Un impiastro tiepido va bene anche per i geloni.
Raccolta
I fiori vanno raccolti, insieme alle corolle, non appena sono fioriti, meglio se durante la luna piena. Si seccano all’ombra, in un luogo asciutto e ben aerato. Poi, una volta seccati, i fiori si separano scuotendo le corolle.
Il sambuco è comune e molto diffuso, quindi la raccolta può essere abbondante. Potete cimentarvi in diverse e piacevoli preparazioni (vedi sotto), ma non dimenticatevi di fare una certa scorta di fiori per l’inverno perché, insieme a quelli di tiglio, possono essere molto utili nella febbre e nelle malattie da raffreddamento (vedi tisana diaforetica).
Mi raccomando, non fate raccolte nei pressi di industrie, strade, campi irrorati con pesticidi e in altri ambienti inquinati.
Ps: questi biscotti sicuramente faranno parte dei pensieri di Natale 🙂

Questa voce è stata pubblicata in Dolci, Piatti etnici e regionali e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

15 risposte a Pan meino (pan de mej)

  1. Felicia ha detto:

    Favolosi!!!! è da tempo che desidero assaggiare la marmellata di sambuco, anch’io non ho mai visto i fiori e non li conosco, conoscevo le proprietà e per sentito dire la bontà!!!! Chicca che aroma hanno donato a questi fantastici biscottoni….. mi prenoto per il pensierino di Natale!!!! 🙂

    • Chicca66 ha detto:

      Feli la marmellata di sanbuco non l’ho nemmeno mai vista, io non sapevo nemmeno delle proprietà curativo e come dico sempre: non si finisce mai d’imparare 🙂 Se conosci il profumo del sanbuco l’aroma è sicuramente quello 🙂

  2. noolyta ha detto:

    Buonissimi! mi ricordano sempre la mia brianza…ogni volta che li faccio mi dureranno un paio di giorni al massimo!! 😉

  3. Raffy77 ha detto:

    Questi biscottoni sono per veri golosoni! 😀 Eh eh ho fatto anche la rima :mrgreen:
    @Feli,la marmellata di sambuco è buonissima,ha un sapore particolare,ricorda un pochino la lavanda.

  4. CucinoinCina ha detto:

    Particolari questi biscottini, non ho mai assaggiato il sambuco in nessuna forma! Lo so che non sarebbero più gli stessi biscotti, ma come alternativa a questi fiori che consiglieresti?

    • Chicca66 ha detto:

      Marta sai che non saprei cosa risponderti…però potresti provare a chiedere in un erboristeria e chiedere quali fiori si possono usare ad uso alimentare, so che sono diversi i fiori commestibili: primule, rose, viole…

  5. Elettra ha detto:

    Ottimi i biscotti con la farina di mais, ma questi con i fiori di sambuco sono proprio particolari !!! 😀

  6. CucinoinCina ha detto:

    I fiori di sambuco sembrano terminati dalle mie parti (tutti a farci i biscotti?!), ma avevo proprio voglia di provare i tuoi biscotti, mi convinceva anche il mix di farine, così ho comprato le bacche di cardamomo che mi mancavano da sperimentare… Ho ridotto margarina e zucchero, ho dovuto aggiungere altra farina per le due tazzine di latte indicate(di cui una era liquore al sambuco) ma sono venuti divini!!!!! Li ho sfornati 2 ore fa e ancora c’è un profumo irresistibile!
    Grazie Chicca per lo stimolo, li ho fatti a stella e così li regalerò alle mie zie :mrgreen: …anche se Linda, che era presente in fase produttiva, non è affatto daccordo! 😉
    Ma non demordo con i fiori di sambuco, sarà un’altra scusa per rifarli…

    • Chicca66 ha detto:

      Grandissima Marta credo che anche il cardamomo abbia dato un aroma sicuramente particolare e buono 😉 Le tazzine ho scritto circa, poi questo varia molto anche dalle qualità delle farine più o meno assorbenti liquido.
      Bellissimi poi a forma di stella, fammi sapere se le zie gradiscono 😉
      Un abbraccio!

  7. Nadir ha detto:

    Per tradizione si fanno ad aprile… quindi si usano i fiori freschi?
    il sambuco è un arbusto che amo, i fiori raccolti freschi si possono fare fritti in pastella e dai frutti, che maturano a fine agosto (se non erro) viene una buona marmellata con proprietà leggermente lassative (quindi non strafogatevi tutto il vasetto in breve tempo).
    Dici che in origine si usava il miglio … sarebbe interessante trovare la ricetta originaria 🙂

  8. Chicca66 ha detto:

    Si Nadir i fiori certo sono secchi 🙂 Non ho mai assaggiato ne visto la marmellata di sanbuco, ma provvederò visto che dicono che è buona 🙂
    Credo si parli del secolo passato per la ricetta con il miglio, quando le farine raffinate non erano ancora in uso, quindi un po’ dura reperire una ricetta, basta comunque provare a sostituire la farina di mais con quella di miglio 😉

  9. Pingback: Biscotti di mais col buco | Magie Vegan di Chicca

  10. zenkitchen ha detto:

    WOW!!! Biscotti al sambuco…che belli e chissà che buoni!!! =)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...