Pizzoccheri d’orzo


Questi pizzoccheri che in realtà non sono pizzoccheri, perchè ho usato la farina d’orzo e non la farina di grano saraceno che si deve usare per fare i veri pizzoccheri, il risultato è stato davvero comunque molto buono. Questo tipo di farina, che al contrario del cereale in chicco, è poco diffusa e poco usata trovo sia davvero molto buona per qualsiasi preparazione. Le notizie che vi riporto sono prese da TIBIONA il mio fornitore ufficiale di farine che ormai credo conosciate:
viene ottenuta dalla lavorazione su macine in pietra naturale dell’orzo decorticato.
La separazione della cuticola esterna (decorticatura) è indispensabile, in quanto la crusca d’orzo è composta esclusivamente da cellulosa indigeribile.
Da un punto di vista nutrizionale, l’orzo è ricco di sali minerali (calcio, ferro, fosforo, potassio e silicio) e di vitamine (A1, B1 e B2).
Tra i sali minerali prevale il fosforo, fondamentale per chi svolge un’attività intellettuale, inoltre, per le sue caratteristiche intrinseche, l’orzo è un cereale con proprietà antidiarroiche, emollienti, diuretiche e rinfrescanti.Modalita’ d’Uso:
La farina d’orzo è ideale per la preparazione di prodotti da forno dolci e salati. In particolare si presta con ottimi risultati per la preparazione delle tagliatelle. Trattandosi di una farina incapace di generare glutine, è fondamentale unirla alla farina di frumento tipo 0 (meglio se Manitoba), nella misura del 30% (orzo), 70% (frumento). 

Ingredienti:
300gr farina d’orzo
200gr farina manitoba o 0
acqua tiepida q.b.
patate
spinaci o erbette o verze (vedete voi ciò che preferite)
un porro o aglio
peperoncino o pepe

Procedimento:
In questo caso non ho seguito il consiglio di Aldo e ho usato farina d’orzo al 60% senza avere problemi nel fare stare insieme bene l’impato.
Preparate la pasta, fatela riposare almeno mezzora, il riposo la rende più malleabile, tiratela e lasciatela abbastanza spessa tipo appunto i pizzoccherì (2/3mm). Io ne ho fatto in abbondanza, si conserva per più giorni sia in frigo che fuori.
Mettete a bollire una pentola molto capiente dove avrete messo anche delle patate tagliate a tocchetti e la verdura che preferite, io avevo degli spinaci; dal bollore cuocete almeno 10 minuti prima di mettere la pasta che cuocerà in un attimo.
In una padella mettete dell’olio e fateci rosolare dolcemente il porro tagliato a rondelle sottilissime con del peperoncino, quando i vostri finti pizzoccheri son pronti versateli in padella  e fateli saltare un minuto; spolverizzate con abbondante parmigiano vegan, (fatto con mandorle e lievito alimentare in scaglie), oppure una grattatina di formaggi vegusto. Da rifare al più presto appena riordino la farina d’orzo 😉

Annunci
Galleria | Questa voce è stata pubblicata in Primi piatti e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a Pizzoccheri d’orzo

  1. Shekkaballah ha detto:

    Ottime dalla faccia, certo che quelle che mi hai fatto mangiare di cui parlo nel mio post di oggi non hanno nulla da temere! 😉 mitica come sempre!

  2. Ambrosia ha detto:

    Ma che spettacolo! adoro i pizzoccheri e il grano saraceno, ma mi hai convinto a provare quelli d’orzo! 😀 certo che se li trovassi già fatti, anzichè farli…. 😉 bravissima chicca!

  3. Felicia ha detto:

    Cavolo!!!! Anzi bietoline….. nelle paste sei insuperabile!!!! ma non solo 🙂 che bellissima idea i pizzoccheri d’orzo. Sono fantastici….. Ottima ricetta, hai le mani d’oro 🙂

  4. Chicca66 ha detto:

    😛 Grazie, grazie come ti ho detto prima i tuoi complimenti ora valgono doppio 🙂 😳

  5. gena ha detto:

    ciao chicca che buoni!!!!!!!!!!!!!
    come stai? noi ci siamo già trasferiti da Cavallasca, vieni a trovarci una domenica a pranzo, non appena ci funzionano le bombole del gas????
    bacioni!!!
    cate

  6. Chicca66 ha detto:

    Ciao Cate grazie, sai che pensavo a te l’altro giorno! Speravo di vederti al veganch’io! Vengo volentieri a trovarti, avvisami quando i fornelli funzionano 😛
    bacioni anche a voi 🙂

  7. Elettra ha detto:

    Wow, sei un portento di idee e fantasia ! 🙂

  8. Pingback: Maltagliati d’orzo alla crema di tofu | Magie Vegan di Chicca

  9. Pingback: Tagliatello d’orzo e lenticchie | Magie Vegan di Chicca

  10. Pingback: Frollini d’orzo | Magie Vegan di Chicca

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...