Panna cotta al cioccolato


E dopo i miei adorati primi eccovi un dolcetto facile facile e goloso 🙂
Questa panna cotta è stata fatta prendendo spunto da una delle tante favolose ricette publicate su “La cucina etica dolce”. Domenica scorsa sono andata al Veganch’io dove ho assistito ad un workshop di Roberto Politi autore del suddetto libro assieme a Dora Grieco, di cui vi ho spesso parlato mostrandovi le preparazioni da cui ho preso spunto tipo: torta della nonna, fragole in chantilly, coppe di pesche e l’ultima creazione la crostata alla frutta.
Questa variante nasce dalla ricetta base, che si può variare con mille aggiunte diverse, come suggerito da Roberto, sul libro è presentata con una salsa di lamponi, io ho semplicemente aggiunto del cioccolato fuso alla preparazione base.

Ingredienti:
400 g di panna da cucina vegetale
100 g di latte vegetale (ho usato riso)
30 g di zucchero di canna chiaro
1 cucchiaino di agar agar
4 cucchiai di zucchero di canna a velo
100 g di cioccolato

Procedimento:
In un pentolino sciogliete a freddo l’agar agar con il latte, aggiungete la panna, lo zucchero di canna e il cioccolato leggermente fuso, potete fonderlo a bagnomaria o scaldare nel microonde. Fate bollirre il tutto per 3 minuti, sempre mescolando.
 
 
Togliete dal fuoco e aggiungete lo zucchero di canna a velo, versate il composto negli stampini riponete in frigo almeno 2 ore

Ps:non esagerate con l’agar agar altrimenti rischiate che il composto resti troppo duro e leggermente gommoso. Servite spolverando con zuccheto a velo. In questa versione potreste aggiungere della granella di nocciole o mandorle. Buon dolce a tutti 😉

Questa voce è stata pubblicata in Dolci e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

25 risposte a Panna cotta al cioccolato

  1. Nadir ha detto:

    Mai fatta la panna cotta, nemmeno da onnivora… ma se tu dici che è facile potrò provare a cimentarmi 🙂

  2. Felicia ha detto:

    Adorabileeeeeeeeee…… una golosità unica!!!! una splendida ricetta 🙂

  3. Elena ha detto:

    Panna vegetale? riso, soia, avena? secondo te cosa è meglio? grazie

  4. Chicca66 ha detto:

    Elena la panna ho usato quella della soyasun, puoi usare anche quella della provamel, e il latte quello che preferisci 😉

  5. Bibi ha detto:

    u ma ci vedo anche pistacchi tritati e salsa di vaniglia, e frutta fresca di vario genere e crema di frutta fatta in casa, e ci vedo un sacco di cose ma soprattutto vedrei benissimo questa panna cotta sulla mia tavola ^^
    bravissima Chicca 🙂

  6. ElenaSole ha detto:

    Mai fatta, ma sembra facilissima da fare! devo metterla tra gli esperimenti da provare post-esame!! brava Chicca!

  7. MaVi ha detto:

    La panna cotta mi piacicchiava parecchio anche se non ne mangiavo quasi mai da onnivora, solo qualche volta fuori, mai fatte in casa! Sono sempre stata poco dolcettara… Prima o poi proverò a farla vegana e mi ricorderò del tuo post!
    Nel frattempo brava! (come al solito!)
    😉

    • Chicca66 ha detto:

      Grazie MaVi, io invece come detto sopra proprio non mi piaceva,a doravo la panna montata! Questa è stato un primo esperimento e credo potrà diventare un dolcetto da ospiti 🙂

  8. Luu ha detto:

    ragazze, ma voi siete due cicloni…! 🙂 basta non leggere per qualche giorno e ci si ritrova un arretrato pazzesco.. e buonissimo! come questo dolcino che fa gola solo a vederlo 🙂 bravissime

  9. CucinoinCina ha detto:

    Con questi dolcetti semplici e veloci non ci si sbaglia mai! …E tu ci ha pure messo il cioccolato! Tentatrice… 😉

  10. Raffy77 ha detto:

    Che bel dolcetto sciccosissimo!!! 😉

  11. Ambrosia ha detto:

    Chicca, ho una domanda: l’agar agar addensa durante la cottura (come un budino classico, per intenderci) o dopo, una volta raffreddato??? 🙂
    Grazie! un bacione

  12. Elettra ha detto:

    Golosissima !!!
    Secondo te in grammi il cucchiaino di agar-agar quanto peserà esattamente ?
    Io ho sempre il timore di non dosarlo bene così, “a cucchiaini”… 😉

  13. Ambrosia ha detto:

    L’ho già fatta due volte, Chicca!!!! una normale, bianca, e una al caffè……un successone!!!!! io ho fatto metà dose di panna e metà di latte (250 e 250) perchè avevo poca panna……ma ho seguito la tua ricetta passo passo e…grazie! ora so come usare l’agar agar che avevo comprato mesi fa! 😀

  14. Chicca66 ha detto:

    E vai grandissima Ambro 😛 Non male lidea di usare metà latte e metà panna, resta sicuramente più leggera 😉 Brava Brava!
    Peccato che non bevo più caffè, però potrei provare con quello d’orzo o lo Yannon che uso solitamente 😉 Bacione

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...